Madrid Areas

Click on images to enlarge

Arguelles


La zona di Argüelles e Moncloa é una zona centrale, di categoria alta e begli edifici perlopiù appartenenti agli anni ’50. Si tratta di un’area che si trova a metà tra il ritmo frenetico e chiassoso del centro storico e la tranquillità di un quartiere residenziale. Va detto che la parte di Argüelles é più vivace di quella di Moncloa poiché è delimitata da una serie di strade commerciali, la calle Alberto Aguilera, e la calle Princesa, dove si possono trovare negozi prestigiosi e i migliori centri commerciali, trai quali l’edificio del corte inglés di Argüelles, oltre a Mopti altri negozi di abbigliamento, scarpe ed accessori. La Plaza de los cubos, nella calle Princesa, é un noto centro per il tempo libero, colmo di cinema e sale specializzate nelle quali tanto i locali come i turisti si ritrovano per godersi film particolari e soprattutto in lingua originale.

Attorno a queste strade principali ci sono molte strade secondarie zeppe di locali antichi in perfetta convivenza con locali moderni; bar, negozi e ristoranti che distaccano per il fatto di conferire a questa zona una vitalità fuori dal comune. Tra stradine e piccole piazze urbane ci si ritrova nel Parque del Oeste, una delle zone verdi più belle della città, natura selvaggia e tranquillità, dove oltre a fare delle passeggiate rilassanti si può prendere la teleferica con vista al fiume, il río Manzanares. La parte migliore di questo quartiere è la genuinità che lo caratterizza, semplicemente caminando per le sue strade si possono scoprire gli autentici valori di Madrid, piccoli ed incantevoli negozietti dove comprare non solo vestiti particolari, ma anche musica specializzata e articoli d’arte. È inoltre una zona dove si può mangiare a prezzi modici, particolarmente raccomandate le camínate o gli aperitivi lungo la calle limón, o la Plaza de las descalzas e una visita obbligata al Cuartel de Conde Duque, dove hanno luogo molti dei concerti ed eventi culturali in generale della città.

Argüelles è un’area ben comunicata con cualunque punto della città sia per quel che riguarda la metropolitana che i mecí di trasporo pubblico in generale. Pieno di vita e di certo uno dei quartieri più belli di Madrid, il visitatore ne rimarrà incantato.

La parte residenziale e volto del quartiere sono le abitazioni della calle del pintor Rosales. Appartamenti ampli e di qualità che in molti casi offrono una vista del Parque del Oeste, e che costituiscono una delle zone immobiliearie più care di Madrid.

La zona di Moncloa è più vicina all’area universitaria della Complutense, ragione per cui regna un ambiente studentesco e giovanile, ed è circondata da diverse zone verdi, oltre al già citato Parque del Oeste. Strade con ampli marciapiedi come la calle San Francisco de Sales o Cea Bermúdez con numerosi bar e ristoranti con terrazze dove prendere l’aperitivo quando escono i primi raggi di sole.

Una delle costruzioni più importanti è la stazione di autobus di Moncloa, dove oltre ad arrivare e partire linee di autobus interurbani, si trova la linea 3 della metropolitana.

Molto conosciuto anche il mirador de Moncloa, una altissima piattaforma sostenuta da una grande colonna a forma di fungo, da cui si ha un controllo sul traffico della città e che in giorni prestabiliti può essere visitato.

Click on images to enlarge

Atocha


Atocha è la zona intorno alla stazione ferroviaria omonima che si trova nella rotonda (largo/piazzetta) dell’Imperatore Carlo V, dove sorgono il museo Reina Sofia (Museo Nazionale Centro d’Arte Moderna Regina Sofia), il Paseo del Prado o Paseo del Arte, il Parco del Retiro e il corso di Atocha (dove troviamo diversi centri culturali). Atocha è più un punto di riferimento che un quartiere vero e proprio, dal momento che ne comprende diversi. Nella zona circostante Atocha, all’interno dei quartieri di Huertas e Lavapiés, si trovano gallerie d’arte, negozi di curiosità, ristoranti e attorno alla stazione sorgono numerosi alberghi.

Il Museo d’Arte contemporanea Reina Sofia è aperto anche il lunedì, il che rappresenta un’interessante peculiarità dato che la maggior parte dei musei rimane chiusa proprio il lunedì. Il Reina Sofia è uno dei musei più importanti della città. Oltre alle interessanti mostre temporanee, la collezione permanente del museo vanta pezzi dell’importanza di Guernica, uno dei più famosi quadri di Picasso, e molte altre fondamentali opere di artisti contemporanei.

Il museo si colloca in un edificio del XVIII secolo ristrutturato con elementi moderni, due anni fa è stato ampliato con una nuova area progettata dall’architetto Jean Nouvel, caratterizzata da una bellissima copertura lineare color ciliegia. All’interno dell’area nuova del museo è ubicato un ristorante chiamato Arola Madrid gestito dal cuoco Sergi Arola, uno dei più famosi di Spagna. Si tratta di un ristorante informale, dedicato alla cucina mediterranea nella sua essenza. Il moderno stile dei suoi interni, suddivisi in tre ambienti differenti, gioca un ruolo molto importante.

La grande Stazione di Atocha è un complesso formato dalla splendida struttura semicircolare del XIX secolo e dal nuovo progetto di Moneo, realizzato negli anni 80, con il giardino tropicale creato nell’immenso atrio. Da questa stazione parte il treno ad alta velocità AVE che giunge a Barcellona e Siviglia. Sempre ad Atocha si trova il monumento commemorativo delle vittime dell’attentato terrorista del 2004 a Madrid conosciuto in spagna come il 11-M , ossia l’undici marzo.

Click on images to enlarge

Chamartin


Tenendo il Paseo de la Castellana come asse centrale, con alla sua destra la parte nord del Quartiere di Salamanca e sul lato sinistro la parte nord di Nuevos Ministerios troviamo questa grande area che comprende zone finanziarie e residenziali diverse, dal momento che si estende su una grande superficie. Si tratta di diversi chilometri che, nella parte più a nord confinano con la Plaza de Castilla e i suoi dintorni, zona di grattacieli e centro commerciale e finanziario. In Plaza de Castilla c’è la fermata della metropolitana, grazie alla quale si giunge in pochi minuti in qualsiasi punto della città.

In questa enorme area sorgono le abitazioni più costose di Madrid, di diverse categorie e ubicate in diverse zone residenziali: la zona del Viso, Cruz del Rayo, Alberto Alcocer, Paseo de la Habana, Alfonso XIII o Costa Rica sono nomi e riferimenti di molte di queste zone, impossibili da nominare tutte.

La zona di Plaza de Castilla ospita i grattacieli più importanti del suolo madrileno tra i quali risaltano le famose torri inclinate Puerta de Europa o Torri KIO, progettate dal rinomato architetto Philip Jonson. Qui inizia il Paseo de la Castellana, la principale arteria di Madrid che attraversa la città da nord a sud fino ad sfociare nel Paseo de Recoletos e nel Paseo del Prado per poi arrivare alla stazione di Atocha

Oltre ad essere una zona con moderni edifici adibiti ad uffici troviamo molti alberghi di prestigio, eleganti ristoranti e negozi.

Senza dubbio il distretto di Chamartìn è un’area che combina uno spirito residenziale e moderno, con edifici e ville circondati da giardini e strade tranquille ideali per passeggiare, con zone molto commerciali in cui si può trovare ogni tipo di negozio, supermercati e uno dei migliori mercati di Madrid, quello di Potosí, famoso per l’alta qualità e la varietà dei suoi prodotti alimentari. Allo stesso tempo c’è una gran scelta di ristoranti di ogni tipo e categoria, con cucina spagnola e internazionale, tipici bar di tapas e birrerie, caffetterie, ecc. aperti fino a tarda notte. Altri locali di svago sono le molte discoteche alla moda, i Pub e i Club con musica dal vivo. Grazie alle stazioni della metropolitana di Colombia e Cuzco la zona è collegata direttamente con l’aeroporto e, a meno di 4 fermate, con il polo fieristico internazionale di Madrid IFEMA, con la stazione ferroviaria di Chamartìn e l’area finanziaria di Nuevos Ministerios e AZCA. A sole due fermate c’è lo stadio Santiago Bernabeu, santuario del Real Madrid. Prendendo la linea 10 con fermata a Cuzco si arriva in soli 10 minuti nel cuore del centro storico.

Click on images to enlarge

Chamberí


Chamberí é delimitato a Nord dalla rotonda di Cuatro Caminos e da Raimundo Fernández de Villaverde; ad Est dal Paseo de la Castellana; a Sud dalla plaza de Colón e le vie Sagasta, Génova, Carranza e Alberto Aguilera; ad Ovest dalla calle Princesa, Isaac Peral, Arcipreste de Hita o Juan XXIII.

Ha un carattere di quartiere residenziale. La vicinanza alla Ciudad Universitaria de Madrid é la spiegazione dell’elevato numero di studenti che ci vivono, perlopiú nelle residenze per studenti, ma anche in appartamenti privati. L’alta percentuale di gioventú ha fatto sí che si sviluppassero delle zone dedicate al tempo libero, nella parte nord, per esempio, si concentrano numerose installazioni sportive aperte al pubblico.

Il quartiere gode della presenza di un commercio tradizionale e specializzato grazie ai mercati di

Vallehermoso, Andrés Mellado, Chamberí e Alonso Cano.

A livello culturale é necessario evidenziare il complesso Teatros del Canal, inaugurato nel novembre 2008, all’angolo tra la calle Cea Bermúdez e Bravo Murillo, che consta di tre edifici: una sala-teatro, un auditorio e delle sale di prova. Sará la sede dell’Orchestra e del Coro della Comunidad de Madrid, della Compagnia di danza di Madrid e dell’ Istituto Coreografico di Madrid.

Architetturalmente si puó dire che nel distretto di Chamberí si possono trovare edifici di ogni tipo, molti di questi dichiarati Monumento Nazionale. Palazzi antichi e grandi, conventi, scuole, ospedali, chiese,… tutto ció converte Chamberí in un quartiere dall’apportazione culturale importante ed interessante, con abbondante presenza di stili modernista, neogotico e neomudéjar.

La linea 1 della metropolitana (colore azzurro), la piú antica della rete di Madrid inaugurata nel 1919, ha quattro stazioni nel distretto di Chamberí: Cuatro Caminos, Ríos Rosas, Iglesia e Bilbao. La stazione di Chamberí apparteneva a questa linea, ma si chiuse nel 1966 e durante tutti questi anni la si conobbe come la “stazione fantasma”. Nel marzo del 2008 é stata inaugurata nuovamente come sede del Museo de Metro de Madrid "Andén 0".

Click on images to enlarge

Chueca


La zona di Chueca è situata nel centro della città e appartiene al Quartiere di giustizia, uno dei più quotati del momento. Il suo fascino è dovuto a molteplici peculiarità come ad esempio quella di avere l’offerta di svaghi più ampia e moderna della città, il Soho madrileno.

E’ delimitata dal Paseo de Recoletos,dalla Gran Via e dallastrada di Fuencarral e Fernando VI. Il suo centro nevralgico è la Plaza de Chueca da cui prende il nome, proprio nella piazza si trova inoltre la stazione della metropolitana di Chueca.

Si tratta di un antico quartiere che negli ultimi anni è stato totalmente rimodernato e che è stato reso famoso dal fatto che ospita la comunità gay, la quale lo ha trasformato in una zona molto vitale 24 ore su 24.

Il quartiere è caratterizzato da bar e ristoranti arredati in design e di gran qualità che soddisfano tutti i gusti (nelle vie Libertad e San Marcos si può trovare tutta una serie di ristoranti moderni in stile New York: Cafè Diurno & Bazar sono due ottimi esempi). Inoltre troviamo una grande varietà di negozi che attualmente è tra le più gettonate della città soprattutto dai giovani. Dalla via Almirante alla via Fuencarral si possono trovare un’infinità di negozi che vendono gli oggetti più moderni e particolari, passando per il famoso Mercato di Fuencarral che dà vita e carattere a questa zona di acquisti e dove le migliori marche convivono con le creazioni di giovani stilisti. Senza dubbio è un quartiere giovane e divertente.

La sua ubicazione è perfetta per raggiungere a piedi i punti più affascinanti della città. A 5 minuti dalla Gran Via e dalla Puerta del Sol, anche chiamata il km 0. A 10 minuti dal Museo del Prado e dal Museo Thyssen Bornemitza, due delle pinacoteche più importanti del mondo.

Altra ottima possibilità è fermarsi dove la gente gode dei giorni di sole prendendo l’aperitivo nei numerosi bar con tavolini all’aperto.

Questo quartiere raggiunge il suo massimo splendore nel mese di giugno, quando si celebra il Festival dell’ Orgoglio Gay (Gay Pride) che è arrivato ad essere un evento sociale di prim’ordine a Madrid, non solo per il mondo gay ma per tutta la gente “moderna”. Al Gay Pride carri giganteschi sfilano per le strade più importanti di Madrid (Alcalá, Gran Vía) con musica e fiumi di persone che ballano con i costumi più curiosi e divertenti..

Click on images to enlarge

Gran Via


La Gran Vía è una grande linea divisoria che separa i distretti della città: nel lato nord si trovano Malasaña –verso ovest- e Chueca –verso est- mentre nel lato sud la zona di Sol e Opera. La Gran Vía inicia all’incrocio con la calle Alcalá, vicino a Sol. All’estremo opposto si giunge alla Plaza de España e lì iniziano i distretti di Moncloa e Argüelles.

Questa Via è il centro nevralgico Della vita urbana di Madrid: è sempre formicolante di gente che corre a fare spese, al cinema, a teatro, a vedere un musical, al lavoro… Con i suoi splendidi edifici novecentisti la Gran Vía possiede un’aria newyorkina.

Nella prima parte della strada gli edifici sono monumentali: si distinguono l’ Edificio Metrópolis e giusto in fronte il Círculo de las Bellas Artes, uno dei centri culturali più attivi della città. Quest’ultimo ha una terrazza dove hanno luogo concerti durante l’estate.

L’ edificio Telefónica è un’altra delle costruzioni emblematiche della Gran Vía; venne inaugurato nel 1929 in qualità di primo grattacielo di Madrid, un edificio che può essere contemplato da qualsiasi punto della città grazie agli 81 piani di altezza. Nella parte (della Via) più vicina alla plaza de Callao si trova l’ Edificio Capitol, dallo stile americano, che sfoggia, nell’angolo semicircolare del prospetto che dà sulla piazza, già da varie decadi un cartellone pubblicitario di Schweppes, che si è trasformato in un’icona della città. In questa piazza c’è un’alta concentrazione di cinema e teatri che ancora vengono mantenuti come tali, anche se i negozi di alta moda e i centri commerciali imperversano, e che trovano sede in edifici degli anni ’20, molto caratteristici e apprezzati come il Palacio de la Prensa.

La gran Vía è conosciuta come la Broadway spagnola, non solo per lo stile architettonico tendente a quello americano, ma soprattutto perché negli ultimi anni si è convertita nella capitale mondiale del musical. È la terza città al mondo per quanto concerne le prime rappresentazioni di opere musicali annuali, e tutte avvengono in questa enorme e meravigliosa strada piena di luci multicolori, cartelloni pubblicitari e musicisti di strada.

Ai madrileños piace molto questo tipo di spettacolo di massa, si tratti di storie di Victor Hugo, di Lloyd Weber, di Walt Disney o storie contemporanee in versione pop degli anni ’80, rivisitate da attori e cantante,…

Dalla piazza di Callao, due strade molto conosciute portano direttamente alla Puerta del Sol: la calle Preciados, dove si trovano i centri commerciali FNAC e Corte Inglés, e la calle del Carmen. Alla fine di quest’ultima troverete la statua de "el Oso y el Madroño" (“l’Orso e il Corbezzolo”) il luogo più indicato e utilizzato per darsi un appuntamento a Madrid.

La Plaza de España fu realizzata negli anni ’20 utilizzando terreni occupati da piccole case con giardini e quartieri. È una delle piazze più grande della città, dominata da quelli che per molto tempo furono i grattacieli di Madrid: la Torre de Madrid e l’ Edificio España. L’ edificio España fu incaricato da Franco negli anni ’50, da lì il carattere monumentale e dalla tendenza fascista, e progettato da José Otamendi Machimbarrena, autore anche della Torre de Madrid. Per alcuni anni fu il più alto d’Europa, poi sorpassato dalla Tour du Midi, di Bruxelles.

Nel mezzo della piazza c’è una scultura omaggio a Cervantes, che rappresenta lo scrittore seduto ed accompagnato dai suoi personaggi Don Chisciotte e Sancho Panza.

Click on images to enlarge

Huertas


Il quartiere di Huertas, con la via Huertas come asse centrale, è meglio conosciuto come il Quartiere della Letteratura per via del fatto che ha ospitato tanti famosi scrittori del XVII secolo, come Cervantes, Quevedo o Lope de Vega, e per la sua storica tradizione intellettuale. Si tratta di una zona ubicata nel cuore della città, piena di vicoli costellati di ristoranti, deliziosi caffè e locali con musica dal vivo dove si possono gustare cucine di origine diversa a buon prezzo o i migliori cocktail esotici.

E’ stata, ed è tuttora, la prima zona centrale chiusa al traffico (eccetto che per i residenti) di questa chiassosa città, quindi passeggiare per le sue strade è straordinariamente piacevole e tranquillo, e offre uno dei migliori itinerari di tapas della città, mentre si contemplano splendidi edifici ristrutturati e molto curati.

La Piazza di Santa Ana è il cuore del quartiere, qui si trova il famoso Teatro Español e molti caffè e birrerie all’aperto che occupano praticamente tutta la piazza. E’ uno dei principali punti di incontro della città, sia per i turisti che per i residenti. Per questo negli ultimi anni sono sorti, sulla base degli edifici ristrutturati e gli antichi palazzi, i più eleganti alberghi di Madrid.

La zona di Huertas confina ad est con il Paseo del Prado, conosciuto anche come Paseo de las Artes grazie alla grande concentrazione in questa via dei più caratteristici musei della città. La via Huertas porta direttamente al museo del Prado e la via del Prado porta alla Plaza de Las Cortes di fronte al Parlamento spagnolo, il Congresso dei Deputati. A pochi minuti a piedi ci troviamo quindi nelle zone turistiche più importanti: il Museo del Prado, il Museo Thyssen, il Museo Reina Sofia, il Centro de Arte Caixa Forum, il Giardino Botanico, la Piazza Santa Ana e il Parco del Retiro.

Click on images to enlarge

Latina


Il quartiere della Latina è conosciuto come la Madrid degli Asturia o degli Asburgo, è la parte più antica della città, la Madrid medievale e rinascimentale. Prende il nome dalla dinastia austriaca degli Asburgo, che regnò in Spagna fino al 1700 e alla quale appartengono re importanti come Filippo II e Carlo I. La zona comprende le stradine intorno alla Calle Major, la Plaza de la Villa, dove si trova il Municipio della città, la Plaza de la Paja o la Plaza Mayor.

Il quartiere posside un fascino particolare, che ne fa uno dei preferiti sia dai turisti che dagli stessi madrileni. Si tratta di uno dei quartieri maggiormente autentinci e caratterizzato da forte identità madrilena. Senza bisogno di grandi spostamenti si può raggiungere un gran numero di musei, cinema, teatri e monumenti caratteristici, dove poter godere dell’offerta culturale di Madrid, ricca e molto varia. A soli 10 minuti a piedi possiamo ammirare luoghi caratteristici come la Plaza Mayor e la Puerta del Sol, il Palacio Real, la Gran Via o ilParco del Retiro. La stazione della metropolitana della Latina si trova nel centro del quartiere, quindi è consigliabile raggiungere la Latina proprio con la metropolitana, dal momento che è una zona caratterizzata da grande traffico e molte strade pedonali.

Dalla Chiesa di San Francisco el Grande possiamo raggiungere la Carrera de San Francisco. La Plaza San Andrés è dominata dalla cupola della Cappella di San Isidro, che ospita il museo omonimo. In questo museo troviamo buona parte della storia di Madrid, sin dalle sue origini di Fortezza musulmana fino alla sua nacita come metropoli. Il museo della Cappella di San Isidro rende perfettamente l’idea del passato archeologico della città. Vi troviamo inoltre un’esposizione d’arte e delle tradizioni legate al patrono di Madrid: San Isidro.

La strada Cava Baja, qui vicino, offre eccellenti ristoranti, tra i quali il rinomato Lucio. Nella piazza della Cebada sorgeva originariamente il mercato locale, che fu demolito nel 1956 e ricostruito come lo vediamo oggi. Da lì, possiamo cercare la strada Almendro e la famosa taberna omonima. Non molto lontano troviamo la Plaza de Cascorro, nel cuore della strada popolare dove si estende il mercato ogni domenica: el Rastro, il mercato all’aria aperta più famoso di Spagna, che si tiene ogni domenica.

Click on images to enlarge

Lavapies


Il quartiere di Lavapiés è delimitato dalla Calle Atocha ad est, la Ronda de Valencia a sud, la Calle de Embajadores ad ovest e la Calle de la Magdalena a nord. Il centro nevralgico è la Plaza de Lavapiés (fermata di metro Lavapiés).

Lavapiés si è convertito nel quartiere popolare per eccellenza di Madrid. Nella prima metà del XX secolo era caduto in decadenza e fu solo negli anni 80 e 90 che diventò di moda tra i giovani e gli artisti, tanto da innescare un processo di rinnovamento che continua tutt’oggi e che ha aggiunto valore alla zona. È un’area con un’alta percentuale di immigranti, fatto che, insieme all’atmosfera bohémien ed alternativa lo ha trasformato nel quartiere più multiculturale di Madrid.

A Lavapiés c’è una moltitudine di bar e caffé, ristoranti e negozi che ne riflettono il carattere multiculturale, oltre ad una vasta scelta di cucina etnica – indiana, pachistana, cubana, argentina, cinese,… - a prezzi accessibili.

Nel quartiere, soprattutto nella zona più prossima al Centro d’arte Reina Sofia, troverete molte delle gallerie d’arte più importanti di Madrid.

La Calle Argumosa porta directamente alla Ronda de Atocha e al Museo Reina Sofia. La calle de Lavapiés è piena di terrazze, molte delle quali sono ristoranti indiani, il che permette di godere di un gustoso pranzo speziato all’aria aperta…

Nel quartiere cosmopolita e centrale di Antón Martín in zona pedonale troverete un mercato tradizionale per vivere la Madrid quotidiana, accanto alla Filmoteca, dove potrete godere di buon cinema.

Click on images to enlarge

Malasaña


Situato tra Chueca e Argüelles, il quartiere di Malasaña é stato il centro della famosa Movida madrileña degli anni 70 e anni 80. Il quartiere sprigiona un invidiabile sapore assolutamente madrileño in cui si mischiano modernitá e antichitá nel giro di pochissimi metri. Pochi quartieri a Madrid godono ancora di questo status grazie al quale tutti sono ammessi e benvenuti, senza discriminazioni di élites, né ghettizzazioni.

Al centro del quartiere troviamo la Plaza del Dos de Mayo, una zona paragonabile a Camden Town di Londra , al East Village di New York, Kreuzberg a Berlino, o Barrio Alto a Lisbona.

Passeggiare per il quartiere é un diletto per i sensi, inoltre é raccomandabile poiché quasi non circolano automobili per le strade: sebbene non sia una zona pedonale, l’accesso alle stradine é cosí difficile che gli automobilisti non si azzardano ad entrare a meno che non sia strettamente necessario.

Si tratta di un quartiere fondamentalmente giovane, pieno di locali di tendenza e innovazione: negozi di stilisti emergenti, bar e pubs dallo stile peculiare e con ottima musica aperti fino a notte fonda, ristorantini con offerte dall’ottimo rapporto qualitá-prezzo.

Noviciado é situato tra la calle San Bernardo, Alberto Aguilera, Gran Vía, Princesa e La calle Conde Duque. La zona é tranquilla, vi si trovano numerosi locali di tapas. Il quartier generale di Conde Duque é uno degli edifici rilevanti della zona, e bisogna inoltre menzionare l’esistenza di alcuni ristoranti accessibili e dalla buona cucina.

Nell’area piú vicina a Plaza de España si possono incontrare ristoranti che offrono menú esotici, dagli aromi orientali. L’accogliente Plaza de las Comendadoras é il nucleo del complesso, dove si potrá prendere una birra o un caffé comodamente seduti in una delle terrazze estive. Si trovano anche locali per i giovani, persino alcuni in cui si organizzano concerti che danno spazio alla scena musicale indipendente madrileña.

Le due zone sono vincolate grazie alle attivitá comuni.

Click on images to enlarge

Nuevos Ministerios


La zona Nuevos Ministerios é un'area che comprende il Paseo della Castellana, la via José Abascal e via Alberto Alcocer.

È una zona sia residenziale che finanziaria con importanti viali come General Peròn, Raimundo Fernandez Villaverde o luoghi di riferimento ben noti come il complesso AZCA, lo stadio Santiago Bernabeu, l'antico palazzo dei Congressi di Madrid, il museo di Scienze Naturali o la piazza di Cuatro Caminos.

Dentro quest’area si trova il complesso di AZCA che venne disegnato negli anni 50 con l’intenzione di creare un piccolo mondo finanziario, moderno per l'epoca.

È situato fra Paseo della Castellana, via Orense, via general Peròn e via Raimundo Fernandez Villaverde e vi si trovano anche alcuni grattacieli emblematici di Madrid: La Torre Picasso o la Torre Europa.

Bar e club sono principalmente per la gente degli uffici poiché non esiste vita notturna popolare.

Verso Colòn senza dubbio la zona é molto attiva finanziariamente, ci sono gli uffici delle grandi banche e dei grossi gruppi impresariali del paese ed esteri, gli uffici dell’ Unione Europea in Madrid e diverse Ambasciate. Oltre naturalmente ad alberghi, negozi e grandi magazzini.

Senza essere una zona turistica è molto ben servita dalla rete di trasporti pubblici, soprattutto sotterranea, attraverso le omonime stazioni di metro e treno: Nuevos Ministerios, che oltre ad essere una intersezione delle linee più importanti per arrivare in pochi minuti in qualsiasi punto della città, é un terminale dell'aeroporto di Barajas dove i viaggiatori possono fatturare direttamente il loro bagaglio.

Per chi preferisce viaggiare in superficie qui passano tutte le linee di autobus che attraversano la Castellana su rotaie, un mezzo di trasporto rapido e comodo.

Click on images to enlarge

Palacio Real


Delimitato dalla calle Bailén, la cuesta de San Vicente, la calle Mayor e la Piazza dell’Opera, dentro un’area piena di luoghi emblematici e dalla visita obbligata come il Palacio de Oriente o Palacio Real, i Giardini di Sabatini, la Catedral de la Almudena, o El Teatro Real.

La pianta del Palacio Real è quadrata, con un gran cortile centrale.

Anticamente lo abitavano i re, ma attualmente viene utilizzato solamente per attivitá ed eventi di protocollo. É un edificio impressionante dove vengono organizzate visite guidate durante le quali si possono vedere magnifiche stanze foderate di tappeti antichi, oggetti e mobili di gran valore ricevuti dalla familia reale durante gli anni, e allo stesso modo dilettarsi con la vista di dipinti di Velázquez, Goya, Rubens, El Greco e Caravaggio.

Accanto al Palazzo si trova la Plaza de Oriente, una piazza rettangolare dal carattere monumentale e nel lato opposto della piazza il Teatro Real o teatro dell’Opera, considerato uno dei più importante della Spagna.

In quest’area della cittá vi sono numerose stradine piene di fascino, popolate di ristoranti tipici e bar emblematici della cittá. Fermata obbligatoria per chi fosse interessato alla gastronomía madrileña il ristorante La Bola, nella calle (via) de la Bola, fondato nel 1870, un’osteria classica dove ci si potrá godere un autentico cocido madrileño, servito in casseruole d’argilla individuali. Si possono gustare inoltre piatti tipici come los callos, la lingua stufata, la paletilla de cordero lechal o i buñuelos di mela. Locale che mantiene l’arredo di un tempo e nel quale si possono mangiare las tapas.

Click on images to enlarge

Plaza de España


La Plaza España si trova nel punto in cui termina la Gran Vìa, circondata da edifici che in passato ostentavano il record in altezza della cittá, se non d’Europa: La torre di Madrid e l’ Edificio España,entrambi appartenenti agli anni ’50. Grattacieli che condividono lo scenario con monumenti storici e della tradizione madrileña come la scultura in omaggio a Cervantes, raffigurante i suoi due più classici personaggi Don Chisciotte e Sancho Panza che si trova nel grande giardino della piazza; piazza in cui convivono ambienti culturalmente variati.

Accanto alla piazza inizia il Parque del Oeste, dal Paseo de Moret che giunge fino alla calle Rosales. Questo enorme parco è una delle zone verdi più grandi della cittá; nella parte più vicina alla plaza de España si trova il Templo de Debod, il tempio egizio che fu trasportato pietra a pietra fino in Spagna come dono per il contributo alla creazione della chiusa di Assuan. Da questo bel santuario si può godere di una delle migliori viste sulla cittá, in direzione del Palacio Real e del Campo del Moro che giungono fino al fiume Manzanares. A pochi metri da qui si può fare una visita turistica interessante, e contemplare Madrid dalla teleferica.

Accanto, la calle Rosales con i suoi grandi edifici di mattoni, una delle zone residenziali di Madrid in cui il metro quadrato è più caro.

Click on images to enlarge

Prado/Retiro


Un’area delimitata dalla calle Alcalá e dalla Puerta de Alcalá, il Paseo del Prado da Plaza de Cibeles fino a Plaza del Emperador Carlos V, accanto al monumento dei caduti del 14 – M e il Paseo infanta Isabel, e che accoglie una delle pinacoteche più grandi e visitate al mondo: IL Museo del Prado (senza dubbio la miglior collezione di opere d’arte del XVI e XVII secolo, con opere dell’epoca della scuola italiana, fiamminga e spagnola. Include molti dei migliori dipinti di Goya, Velázquez, Hieronymus Bosch, Rubens, Murillo, Fra Angélico, Botticelli, Tiziano, Rafaello, Watteau, Tintoretto, El Greco, Ribera, Zurbarán, e molti altri)

E´una zona che é un passaggio obbligato per chi voglia conoscere davvero Madrid, dato che comprende i monumenti più emblematici e i luoghi più importanti della cittá.

La zona del Paseo del Prado é il cuore della Madrid istituzionale: vi si trovano il Banco de España, la Bolsa, l’ edificio della Posta, e icone cittadine come Cibeles, Neptuno e la Puerta de Alcalá. Ma soprattutto i musei del Paseo del Prado, che situano Madrid come una delle capitali mondiali dell’ arte.

In questa zona si trovano inoltre gli hotel classici come il Ritz e il Palace e alcuni dei nostri bar de tapas preferiti. Curiosamente é una zona relativamente tranquilla, nonostante l’ubicazione e l’importanza.

Il Paseo del Pradova dalla stazione di Atocha alla plaza de las Cibeles. Questa passeggiata è stata ribattezzata Paseo del Arte, ed é il cuore di una Madrid con una delle migliori offerte del mondo in quanto a pittura. Come ne indica il nome, vi si trova il Museo del Prado, il gioiello della corona, il Museo Thyssen Bornemisza, e ora anche il nuovo centro d’arteCaixaForum. Il centro di cultura latinoamericana Casa de América si trova nella piazza Cibeles e accanto al Museo del Prado c’é il Real Jardín Botánicocheattualmente contiene piú di 30.000 specie da tutto il mondo. È il luogo ideale per riposare dopo una visita al Prado.

Non lontano dal Paseo del Prado si trova il Parco del Retiro, antichi giardini del palazzo. Un enorme parco pieno di luoghi nascosti di gran bellezza, e dentro il quale si trovano un lago in cui si puó fare una gita in barca, il Palacio de Cristal (Palazzo di Vetro) ed il Palacio de Velázquez, un vasto spazio espositivo

Oltre ai giá citati monumenti ce ne sono molti altri da non perdere assolutamente come il Casón del Buen Retiro, il Museo del Ejército, la Catedral de los Jerónimos o il Museo de Artes decorativas.

Click on images to enlarge

Puerta del Sol


La Puerta del Sol è il centro assoluto della città. Questa piazza a cui giungono 8 strade è ufficialmente il centro della nazione: il chilometro zero di tutte le autostrade nazionali si trova qui, una mattonella di pietra posta appena davanti all’entrata della Casa de Correos lo indica. La Casa de Correos è un edificio del 1766 attualmente sede della Comunidad de Madrid, la sua torre con l’orologio e il campanile è quella che dà le 12 scampanate di saluto all’anno nuovo per tutta la Spagna.

La zona di Sol e dintorni è il luogo preferito dai ladri; bisogna fare particolare attenzione quando vi si passeggia perciò vi raccomandiamo di leggere le nostre avvertenze di sicurezza.

Ci sono veri luoghi da visitare in quest’area: nella stessa piazza della Puerta del Sol, si trova come già detto, la statua del oso y el madroño, emblema di Madrid: sembra che nel medioevo ci fosse una forte presenza di orsi nei boschi che circondavano la città. Il corbezzolo (il madroño) -un albero dai fruti rossi- appare nello scudo a simbolizzare un accordo del 1222 che sanciva la ripartizione delle terre atronó alla città – gli alberi, gli animali da caccia e i pascoli – tra la chiesa e il consiglio della Villa de Madrid. La statua, alla fine di calle del Carmen, è il punto di incontro classico di Madrid.

Le vie di Preciados, Arenal e del Carmen che partono da Sol sono pedonali e formano una delle zone di shopping più popolari diMadrid.

Click on images to enlarge

Quintana


Il Quartiere di Quintana appartiene al distretto di Ciudad Lineal, situato geograficamente verso la fine di calle Alcalá all’altezza del numero 360, e dall’altra parte della M-30, la circonvallazione di Madrid.

Il Quartiere di Quintana si estende:

da Nord a Sud, dalla calle Virgen del Lluch fino alla calle Vital Aza; da Est a Ovest, dalla calle Federico Gutierrez fino alla calle Florencio Llorente.

Il punto di riferimento piú importante é la calle de Alcalá, il viale piú lungo della cittá, che inizia nella Puerta del Sol (km “0”) e si estende fino al numero 400 e piú, un caso unico a Madrid. Si tratta di una delle strade piú emblematiche della cittá, piena di offerte di servizi di ogni tipo, negozi, supermercati o bar-caffetterie.

Una zona tranquilla, eccettuando la calle de Alcalá stessa in cui traffico e passanti sono notevoli. Una zona dal sapore di quartiere di una volta, in cui i vicini chiacchierano per la strada e gli anziani giocano alle bocce nel parco vicino.

Gli edifici piú antichi risalgono agli anni ’50 – ’60, abitazioni perlopiú modeste, sebbene negli ultimi anni siano sorti, soprattutto nelle vicinanze della calle Arturo Soria, numerosi edifici con alloggi moderni e di buona qualitá: box per l’automobile, piscina, ben equipaggiati e a prezzi accessibili, pensati per gente giovane o famiglie con un potere acquisitivo non eccessivamente alto.

All’incrocio della calle de Alcalá e la calle Arturo Soria si erige un moderno centro commerciale dove si trova di tutto.

La fermata di metropolitana piú vicina é METRO QUINTANA, linea 5, color verde.

Click on images to enlarge

Salamanca


Questo quartiere, delimitato dal Paseo de la Castellana, il parco del Retiro e la calle María de Molina y Francisco Silvela, è uno dei pochi di Madrid con una struttura urbana ben definita in blocchi - isolati – e una rete di strade perpendicolari.

Il quartiere di Salamanca è tradizionalmente considerato un quartiere di classe alta ed è il più sollecitato dai locali e dai visitatori che si fermano nella città per un lungo periodo, nonostanre non sia un quartiere tipicamente turistico. In effetti molti dei negozi più lussuosi della città si trovano in quest’area.

Le strade più importanti che lo percorrono sono Serrano, Velázquez, Goya e Príncipe de Vergara.

La calle de Serrano inizia nella Plaza de Independencia, dove hanno sede la famosa Puerta de Alcalá, progettata per incarico di Carlos III, e l’entrata principale del Retiro, monumento emblematico e rappresentativo della città. In questa zona si trovano ancora alcuni palazzetti del XIX secolo.

La calle Serrano è una delle strade più famose di Madrid grazie alla categoría alta di case ed uffici, e alla presenza di negozi tra i più esclusivi e famosi. Centri commerciali di lusso o caffetterie e ristoranti di alto standing sono ciò che troverete nei dintorni.

È conosciuta inoltre per essere la migliore area residenziale di Madrid. È ben collegata con il centro storico tramite metropolitana ed autobus, e si trova ad una distanza dai luoghi e musei più importante, tranquillamente percorribile a piedi, offrendo tuttavia un’ atmosfera molto tranquilla e rilassata, senza risultare per questo una zona noiosa….per niente! Di fatto è un luogo eccellente per godere di una piacevole camminata, comprare nelle migliori boutiques, bere un rinfresco in un bar o mangiare in un buon ristorante.

Il quartiere di Salamanca offre un’ampia scelta di Hotel e buoni ristoranti, oltre a non risparmiarsi in quanto a vita notturna.

Click on images to enlarge

Ventas


Questa zona è conosciuta principalmente grazie alla plaza de toros di las ventas, la plaza de toros più importante della Spagna. Un monumento eccezionale costruito nel 1929 che oggi viene utilizzato per eventi musicali di grande richiamo, naturalmente fuori dal periodo delle corride. Luogo significativo per alcuni personaggi rilevanti della storia come Hemingway o Ava Gardner.

È un quartiere popolare, il cui asse è la calle Alcalá, una strada che attraversa Madrid dal punto più centrale della cittá fino quasi all’uscita Nord est; nella parte più alta è attraversata dalla M- 30, l’autostrada di circonvallazione. Il quartiere è delimitato sia da un lato che dall’altro dalla stessa, e sebbene uno degli estremi si trovi lontano dal centro storico è ben collegata tramite metropolitana e autobús. È una delle strade più conosciute di Madrid, e in tutta la sua estensione è piena di negozi e commerci di ogni tipo, una gran varietà di bar di tapas e caffetterie tipicamente spagnole.

La sua vicinanza con la M-30, la circonvallazione di Madrid , fa di quest’area un’ottima scelta per coloro i quali a parte visitare la cittá debbano muoversi ad altre zone o luoghi di lavoro.

Newsletter - Iscrizione alla Newsletter