Granada Areas

Click on images to enlarge


Lanjarón la cosiddetta "città-resort ", fu paragonata da Pedro Antonio de Alarcón a "un sogno di poeti ".

A 48 km da Granada e circa 35 km dalla costa granadina, Lanjaron é il più importante balneario di acque minerali dell'Andalusia dal XVII secolo. A un'altitudine di 650 km su un terreno con grandi dislivelli, burroni e canali. Passaggio naturale tra la costa mediterranea e la Sierra Nevada, dove si ergono le cime più alte del territorio spagnolo, Lanjarón è sicuramente un luogo da conoscere.

Famosa per la qualità delle sue acque medicinali, dando luogo a uno dei centri balneari apprezzati di Spagna, gode anche delle caratteristiche essenziali che definiscono l'immagine dei villaggi dell'Alpujarra: un'architettura unica nelle loro case, che si adattano perfettamente alla terreno irregolare e al clima della zona, organizzate in strade strette dove la memoria indugia dal suo passato moresco.

Ci sono numerose sorgenti, alimentate dalla neve della Sierra Nevada, che si trovano in città, soprattutto sulle pendici del Cerro del Caballo, sopra il paese stesso.

E per i piú attivi Lanjarón offre molti sentieri escursionistici di breve / media durata.

La cucina di Lanjarón offre una vasta gamma di piatti come la zuppa di mandorle, zuppa di castagne e finocchio, zucca e funghi, gallina in salsa o riso con coniglio. Una delle sue tradizioni più singolari è quella di prendera la cioccolata con frittelle accompagnata da un bicchiere di anice. La torta di castagne, il budino con noci noci e la torta di fichi secchi sono altri dolci tipici. Tra le feste tipiche é degna di nota la festa di San Juan il 24 di giugno, con ogni sorta di attività culturali e sportive, e la vigilia di San Juan, dove a differenza del resto del paese che si celebra con fuochi d'artificio, a Lanjarón viene celebrata con l'acqua, con la famosa gara di acqua, la vera tradizione di questa festa.

Lasciatevi catturare dalla purezza delle sue fonti, dalla squisita gastronomia e dalla qualità delle sue acque termali e godete della magnifica vegetazione della zona e del paesaggio dell'Alpujarras.

Click on images to enlarge

Albaycin


Antico quartiere mussulmano di Granada. Padre della Granada moderna, inizialmente sotto la dominazione iberica e poi romana: l’Albayzín deve la propria fisonomía all’epoca araba, durante la quale è sede della residenza dei Reali e della corte del regno, sia durante l’emirato Ziride che nel perido Nazaride. Dichiarato dall’UNESCO Patrimonio Culturale dell’Umanità dal 1989 è, nel suo insieme, un momento preziosissimo.

Le strade che lo popolano hanno ospitato genti molto diverse, elemento che conferisce al quartiere un interessante carattere multiculturale.

Percorrendo questo quartiere granadino potremo ammirare le chiese di San Cristóbal e di San Bartolomé e le loro strutture sotterranee. Non sono le uniche, vi è inoltre la struttura di San Luis e della Plaza del Salvador, ubicata al principio della Cuesta del Chapiz; è necesario menzionare anche quelle delle Tomasas e quella del Rey, la più grande di Granada. La Muraglia dell’Albaycín appartiene all’epoco Nazaride. Fu costruita durante la seconda metà del XIV secolo, con lo scopo di difendere i quartieri di San Cristóbal, Albaycín e Albayadalba. Si estende dalla Porta di Guadix, punto finale dell’attuale Paseo de los Tristes, percorrendo San Miguel Alto, la Porta della Fajalauza, Postigo de San Lorenzo, sino a Puerta Elvira. Interessantissime anche la Casa Morisca di Yanguas e le chiese del Salvador, dallo stile Mudejar, costruite nel XVI secolo sulla struttura dell’antica Moschea Maggiore dell’Albaycín. Completano il percorso il Torreón (la grande torre) e la struttura sotterranea di Bibalbonud, il Mirador (Belvedere) di San Nicolás e la Porta di Hizna Román.

Visitare il quartiere dell’Albaycín è un’esperienza unica, che solo Granada può offrire: ogni scorcio vi parlerà della sua storia, poesia, arte. È l’unico luogo al mondo che può offrirvi impressionanti viste dell’Alhambra.

Click on images to enlarge

Alhambra


L’Alhambra è una città/palazzo andalusí, ubicata nella città di Granada. Etimologicamente, Alhambra deriva dall’arabo “Al Hamra”, che a sua volta deriva dall’espressione “Qal'at al-hamra” (Fortezza Rossa).

Nota è la leggenda che fa riferimento alla Porta Della Giustizia e al processo di costruzione dell’Alhambra: ogni minimo dettaglio architettonico e docorativo fu creato con estrema dedicazione. Si racconta che la costruzione fu curata a tal punto che, nonostante gli attacchi di mille eserciti, il crollo ne sarebbe stato impossibile. Si racconta, inoltre, che il giorno in cui la chiave dell’arco interno della Porta della giustizia e la mano dell’arco esterno dovessero unirsi, in altre parole, se l’Alhambra dovesse crollare, sarà giunta la fine del mondo.

L’Alhambra è un prezioso concerto di strutture architettoniche e giardini. Gli alberi sono frondosi, conferendo ombra e freschezza, sensazioni amplificate dalle acque che scivolano lungo i suoi ruscelli. Il palazzo è circondato da patii rettangolari dalla bellezza unica, e da numerose fontane. Vi sono inoltre gli edifici Nazaridi, originariamente realizzati per il soggiorno dei Reali e dei loro servi. L’edificio più antico è l’ Alcazaba. Una delle costruzioni più importanti è la Torre della Vela, dalla quale è possibile contemplare una delle viste più belle dell’Alhambra. Il patío dei Leoni, con la sua fontana, è uno dei più belli del Palazzo.

L’Alambra è un insieme architettonico che non ha eguali nel mondo. Recentemente è stata a un passo dall’essere dichiarata una delle 7 meraviglie del mondo.

Click on images to enlarge

Almuñecar


Almuñécar si trova a circa 84 km a sud di Granada, a 35 minuti di autostrada, ed è la capitale turistica della Costa Tropicale con i suoi 19 km di costa, suddivisa in 26 spiagge.

La denominazione Costa Tropicale non è un caso, perché qui il sole splende più a lungo che altrove in Europa. Gli inverni sono brevi e le estati si mescolano spesso con la primavera e l'autunno. Ma il clima a Almunecar è abbastabza vario.

La piacevole brezza marina fa scomparire il caldo soffocante, cosí come la catena montuosa lungo la costa protegge dal freddo dell'inverno. Il Mediterraneo a sua volta agisce sul termostato in modo da non far notare i cambiamenti repentini di temperatura. In conclusione, le temperature sono miti e moderati.

La città è stata un luogo ambito per molte persone fin dagli albori della storia, grazie al suo micro-clima, è unico nel paese, che giustifica il nome di Costa Tropicale.

In inverno, le temperature raramente scendono sotto i 10 ° C o 12 º C, mantenendo una media di 18 º C. In estate, la media sale a 25 ° C, durante il mezzogiorno supera i 30 º C, ma la brezza del mare allieverá i vostri problemi.

La gamma delle attività legate al mare è vasta. Dai corsi di scuba diving, vela, windsurf e kayak, moto d'acqua o escursioni e charter marini. Dispone anche di un porto turistico con noleggio di imbarcazioni e posti barca.

La gastronomia di Almuñécar offre una gamma completa di piatti, sia legati al mare che alla terra. Il Mar Mediterraneo, che bagna le coste di Almuñécar, fornisce i prodotti alimentari più pregiati facendo della gastronomia di Almuñecar uno dei suoi punti forti oltre che a un marchio di fabbrica.

Proverete tutti i tipi di pesce conditi con olio d'oliva e accompagnati da verdure fresche, godrete delle sue spiagge da sogno, del suo ricco patrimonio e delle aree naturali. Una materia prima di qualitá, dove si trova una vasta gamma di pesci, cernie, spigole, orate, dentici, orate, fabbri, anguille, ecc, con piatti tradizionali come il palombo con patate o cipolle, zuppa di pesce, tonno o grigliate di pesce.

Da notare la frutta esotica tropicale come la chirimoya, di cui Almuñécar è uno dei maggiori produttori mondiali, avocado, mango, papaia, nespolo del Giappone e guava, tutti parte fondamentale della gastronomia. Ciò consente la preparazione di gustosi menù adatti ad ogni periodo dell'anno e che ottengono ottimi piatti come la zuppa, la zuppa di riso, gli stufati, marinate di pesce, oltre a barbecue, e le tradizionali sardine fritte.

Click on images to enlarge

Alpujarra


La pace che si respira nei suoi piccoli paesi bianchi, i cinque parchi naturali che decorano la provincia e il parco Nazionale di Sierra Nevada fanno sí che Granada sia un paradiso per coloro che, anche in vacanza, cercano in relax, il riposo e il contatto con la natura.

Uno dei paesaggi di montagna più singolari di tutta Europa. La bellezza dei suoi incredibili paesaggi ha ispirato nei secoli innumerevoli artisti e scrittori, nonchè fomentato la letteratura di viaggio.

Le zone dell’Alpujarra e Sierra Nevada sono state dichiarate dall’Unesco Riserva dell Biosfera, Parco Naturale e Parco Nazionale, soprattutto a causa dell’endemismo botanico e della particolare ecocultura.

Queste sono solo alcune delle ragioni per cui vale la pena venire a Granada; nonappena arrivato, ne scoprirai delle altre, e sarà impossibile dimenticare questa città.

Click on images to enlarge

Bubión


Bubión è situato nel cuore della Sierra Nevada, nel famoso Barranco de, Poqueira ad una altitudine sul livello del mare di 1350 metri e circa 78kms da Granada. Insieme alle vicine Capileira Pampaneira è stata dichiarata luogo storico.

La sua posizione permette di godere di una vista mozzafiato e il suo orientamento mediterraneo assicura, anche in inverno, delle temperature miti. Nelle giornate limpide si può vedere sia il Mar Mediterraneo che la Sierra Nevada dallo stesso punto.

Villaggio tipico dell'Alpujarras, con 376 abitanti, le sue strade e le case costruite dagli Arabi e conservate fino ad oggi dagli abitanti di Bubión, con innumerevoli fonti quasi in ogni strada, case senza tetti e camini che fanno sentire il viaggiatore in un posto privilegiato.

Una camminata per questo paese da sogno ci trasmette l' aria pura dei campi e delle colline pieni di vita animale e vegetale. La natura nella sua essenza!

Passeggiando per la storica Bubión, le sue strade piene di vasi con fiori, piene di fonti che offrono acqua pura dalla Sierra Nevada vi lascerá una sensazione di grande bellezza e tranquillità.

A Bubión si celebrano due feste all'anno in onore al patrono della città, San Sebastiano, e al copatrono, San Antonio Abad. Le prime feste si svolgono a gennaio nel weekend più vicino alla festa di San Antonio Abad, celebrando sulla collina di San Antón. In estate, questi feste si svolgono nel penultimo fine settimana di agosto.

Sono anche famosi i suoi prosciutti e salsicce. La zuppa di Alpujarra o di mandorle è uno dei piatti piú importanti, insieme ad altri tipici della regione, come la salsa di carne o il capretto al forno.

L'architettura moresca, la tranquillità e la purezza del suo ambiente e un piacevole clima mediterraneo hanno fatto di Bubión un rifugio per chi cerca un modo alternativo per fare turismo.

Click on images to enlarge

Calahonda


Calahonda: località balneare al lato di alte scogliere e con una magnifica spiaggia conosciuta per la sua profondità, da qui il nome "Calahonda". Le sue acque favoriscono gli sport acquatici, come le immersioni subacquee e windsurf, e ha anche un piccolo e pittoresco porticciolo naturale dove gli abitanti ancora pescano all'alba. Qui si trova anche la "Torre o Farillo de Calahonda". Costruita nel XVII secolo come torre di avvistamento e utilizzata successivamente nel XIX secolo come un faro per guidare le navi che si avvicinano alla costa.

Calahonda gode di una posizione privilegiata che la rende un'attraente localitá turistica. Ha una spiaggia ben attrezzata di grandi contrasti, si trovano infatti aree urbane con servizi turistici, altre zone vergini e verdissime.

Una passeggiata lungo le spiagge di Calahonda conduce alle rovine del Castello di Carchuna. Si tratta di una costruzione cristiana della fine del XVII secolo eretta come fortificazione difensiva.

Una meraviglia in più della Costa Tropicale di Granada.

Click on images to enlarge

Capilaería


Capileira, nome di origine latina ("capitello", vertici), considerato un complesso storico-artistico, ha la caratteristica essenziale che definisce l'immagine dei villaggi dell'Alpujarra. Capileira è un luogo obligatorio da vedere nella zona di dove potrete Alpujarras, godere di uno splendido e verde paesaggio e di una vista spettacolare. Luogo ideale da dove partire per escursioni, con le dovute precauzioni, verso le vette de la Veleta e Mulhacen.

Dal belvedere, è possibile vedere i paesi vicini, la Sierra Nevada, e nelle giornate limpide, alcune cime dell'Africa e del Mediterraneo.

Il centro storico conserva integra l'architettura tradizionale dell'Alpujarra ed è diviso in tre quartieri. Le case con i loro tetti bianchi danno forma alle sue strade ripide e zigzaganti. Gli abitanti di Capileira si sono caratterizzati nel corso sua storia per un rispetto scrupoloso per l'ambiente, rendendo questa città un posto ideale per godersi la natura. I punti belvedere sono l'ideale per godere di una vista spettacolare della sierra di Lújar e Contraviesa. Si consiglia il Tajo del Diablo, in cima a Pampaneira e il Perchel, tipica opera di Alpujarra. Il più impressionante è il belvedere della Junta de los Rios, che si trova sulla punta meridionale del lato sinistro del burrone.

In un forno arabe di Capileira tutt'ora si continuano a cucinare le pagnotte di pane, perfetto per accompagnare il piatti tradizzionale dell'Alpujarra, composto da patate, uova fritte, prosciutto, salsiccia e sanguinaccio. La caccia è sempre presente nella dieta locale. Un'altra delle ricette tradizionali è "choto capilurrio" e lo stufato di finocchio. Sono anche deliziosi i prosciutti.

Una delle attrazioni principali di Capileira è che conserva quasi intatte molte delle sue tradizioni, della sua cultura e soprattutto un modo di vedere la vita e viverla completamente opposto e lontano dai ritmi odierni della vita frenetica e stressante. Capileira dispone di ristoranti, bar e negozi per acquistare tutti i tipi di artigianato, articoli da regalo, insaccati della zona, ecc

Vale la pena percorrere ogni strada e ogni angolo, dove sempre qualcosa ci sorprende, un balcone pieno di fiori, una terreno, un belvedere ...

Click on images to enlarge

Cenes de la Vega


Cenes de la Vega si trova nella zona centrale della provincia, a soli 5 chilometri dalla città di Granada (vicino l'Alhambra) e su una collina sulle rive del fiume Genil. È l' unico comune con trasporto urbano integrato nel sistema della capitale (bus di linea numero 33)

Durante il fine settimana è una delle destinazioni preferite dai granadini e turisti per godere dell'ambiente circondato da foreste di pini, castagni e noci e alberi da frutto.

In uno dei tanti bar o ristoranti che esistono nella zona i viaggiatori potranno godere della possibilità di provare gli squisiti piatti andalusi come il puchero de San Antón, fagioli fritti con prosciutto, choto al ajillo, pane con peperoni fritti e sanguinaccio con cipolla.

Cenes de la Vega è a soli 20 minuti di auto dalla Sierra Nevada e ad un'altitudine di 741 metri sul livello del mare.

Tra il suo patrimonio storico e artistico, Cenes de la Vega ha la sua Chiesa Parrocchiale dedicata al culto della Vergine del Rosario. In questa paese si sono ritrovati resti archeologici che si ritiene corrispondano ad un cimitero moresco.

Alcuni altri luoghi di interesse sono il Parco Acquatico Acuaola, eccellente opzione per i giorni d'estate, la popolare Fuente de la Plata, e il Barranco de Cenes, uno splendido ambiente naturale dove le case sono grotte scavate nei pendii del burrone. Si tratta di una graziosa localitá turistica, un posto per stare a stretto contatto con la natura.

Un luogo molto tranquillo per rilassarsi, circondato da campi e con una splendida vista della Sierra Nevada.

Click on images to enlarge

Centro


Città dinamica, Granada ha un centro storico caratterizzato da un’ampia varietà di stili architettonici, che la rende affascinante agli occhi del turista…le sue strade, i viali ampi o le stradine che si arrampicano strette sulla città sono lo scenario perfetto per le grandi firme e le piccole botteghe; gli autori vi sorprenderanno con forme all’avanguardia. Le soste gastronomiche sono innumerevoli, adatte a qualsiasi palato e portafogli.Monumentalmente risalta per l’elevato numero di musei e monumenti, ubicati in questa parte della città; La Cattedrale, considerata la prima chiesa Rinascimentale spagnola, è uno dei maggiori simboli di questo stile artistico.

I Reali Cattolici ne ordinarono la costruzione del 1492, che fu realizzata riproducendo il modello Gotico della Cattedrale di Toledo. La Cappella Reale, che ospita i resti mortali di Don Fernando de Aragón e Doña Isabel de Castilla, di Doña Juana I, di Don Felipe I e del Principe Miguel, emana un profondo sentire storico e umano: ci sentiremo emozionati dinnanzi al suo alto significato religioso espresso mediante un’incredibile ricchezza artistica: Architettura, scultura, pittura, oreficeria, tessuti…potremo ammirare, contemplare e ricrearci grazie alla fusione gotica, rinascimentale e barocca. È possibile visitare l’architettura e la decorazione del tempio, i mausolei reali e la cripta, la pala pittorica maggiore, le grate, le pale pittoriche e le sculture barocche.

Click on images to enlarge

Centro - Realejo


Si trova ai piedi dell’Alhambra, sul versante sud-orientale, conserva ancora il labirinto di stradine tipico dell’epoca in cui fu costruito.

Ancor prima dell’arrivo dei mori, nel VIII secolo, gli ebrei di Granada risiedevano sulla sponda sinistra del fiume Darro. La città fu identificata con la presenza ebrea a tal punto che i mori la soprannominarono “Garnata al-Yahud”, Granada degli Ebrei. Quando i Cristiani conquistarono la città, distrussero il quartiere ebreo e lo soprannominarono El Realejo, poichè conquistato dalla Corona Reale.

Lo spazio pubblico più importante del quartiere è Campo del Principe, creato dai Rè Cattolici per poter festeggiare le cerimonie nuziali del figlio Juan. Campo del Principe è attualmente epicentro della vita notturna del quartiere, che si snoda tra tavolini e taverne.

Nel Realejo vi sono numerosi edifici d’interesse, come il Carmen de Los Mártires, l’Auditorio e il Museo Manuel de Falla, la Fondazione Rodríguez Acosta e le Torri Bermejas. È il quartiere preferito di letterati, esploratori, pittori e artisti di tutte le epoche; l’ambiente è ancora popolato dalla loro magia: perdendosi tra le stradine si respira diversità, è il luogo ideale per provare le ottime tapas e far sí che i numerosi ristoranti della zona ci sorprendano.

Click on images to enlarge

Güejar Sierra


Güéjar Sierra forma parte del Parco Naturale della Sierra Nevada e si trova a nord-ovest.

Il suo nucleo è situato a 1.084 metri di altitudine, e gode sia della vicinanza a magnifici paesaggi del Parque Natural de Sierra Nevada, sia della vicinanza a Granada, che è a solo 16 km.

Güéjar Sierra è una base perfetta per le attività di montagna data la sua posizione nella Sierra Nevada. Direttamente dal paese ci sono molte possibilità per mountain bike, arrampicata ed escursionismo.

Molto vicino ci sono punti di decollo per parapendio, canali dove si pratica canoa e e per fare passeggiate a cavallo. A poca distanza si trova la stazione di Sci della Sierra Nevada, altri posti per canoa e molto altro.

Con una squisita gastronomia Güéjar Sierra è uno dei comuni creferiti dai granadini per mangiare fuori nei fine settimana. Con un offerta senza fine di piatti tipici andalusi, accompagnati da un buon vino e circondato da una bellezza naturale spettacolare che fa di Guejar Sierra un luogo meraviglioso per la vostra vacanza.

E' il luogo scelto dagli sciatori che non vogliono essere nel centro principale, ma che desiderano vicinanza alle piste e di godere di tutto quello che offre questa città emblematica: un sacco di curiosità, di bellezza e di cucina tradizionale e indimenticabile.

Click on images to enlarge

La Herradura


La Herradura un gioiello turistico per il viaggiatore, appartenente al municipio granadino di Almuñecar, situato all'estremità occidentale della costa granadina, in Andalusia.

La Herradura è situata sulla costa del Mediterraneo in un golfo che è una spiaggia unica, e ciò che molti chiamano un clima perfetto, con un sole in grado di risplendere così almeno 300 giorni all'anno.

La Herradura è l'unica città costiera granadina che ha una piccola area di flora e fauna vergine tra Maro e Cerro Gordo. L'area è stata dichiarata Localitá Naturale negli anni '80 dal governo autonomo, sia la superficie che fondale marino, che conserva coralli e specie in via di estinzione cosí da essere una delle aree d'immersione più importanti della Spagna

Sono noti i centri di immersione de La Herradura e sono i piú prestigiosi del sud della Spagna riunendo esperti subacquei da ogni angolo di Spagna e di grande popolarità all'estero.

Questa piccola città fresca e piena di vita, offre anche molti altri tipi di sport d'avventura: kayak, arrampicata, canoa, parapendio, canyoning, trekking. La gamma di opzioni è varia.

La Herradura con i suoi tramonti perfetti inietta una buona dose di vitalità, salute e relax.

Buona avventura!

Click on images to enlarge

La Vallata di Granada


Federico García Lorca è, senza dubbi, il figlio più illustre della Vallata di Granada: la sua figura, il suo nome, la sua storia…hanno il profumo della Vallata. E dalle crepe della Vallata, nel contempo, traspirano i versi di Federico…La vallata di Granada è unita alla città da quando i reali morischi presiedevano la città dell’Alhambra. È impossibile comprendere la Granada araba senza la sua Vallata, giacchè questa ne era porta, guardiana e dispensa.

Spazio protetto per la sua bellezza naturale, la Vallata di Granada è terra di agricoltori semplici, l’incanto del Sud della Spagna; qui, i prodotti di qualità sono il frutto del lavoro quotidiano. È la zona perfetta per completare il vostro viaggio a Granada, visto che abbondano i percorsi di Trekking e bici. È inoltre necessario visitare i luoghi di incontro e scontro tra cristiani e arabi. Se cerchiamo il contatto con la natura è d’obbligo raggiungere la zona delle dighe: Cubillas o Colomera, o raggiungere Sierra Elvira. La natura è la cornice perfetta che caratterizza il soggiorno in una delle città con più storia della Spagna.

Click on images to enlarge

Monachil


MONACHIL: Avventura, sport, natura ed escursionismo.

A solo 8 km da Granada, Monachil offre ai visitatori una grande varietà di luoghi di grande interesse naturalistico e paesaggistico, all'interno del Parco Naturale della Sierra Nevada . Inoltre dall'età del bronzo fino ai giorni nostri, Monachil, ha accumulato storia e tradizioni che vale la pena conoscere.

Il paesaggio è dominato dalla presenza di acqua, principalmente del fiume Monachil, che attraversa il paese e, sin dalla sua origina nel Veleta, scorre, diramandosi in sorgenti, laghetti, cascate e magnifici spazi.

Degno di nota é l'esistenza di uno dei più spettacolari paesaggi della Sierra Nevada, la gola de Il Cahorros , situato a soli 2 km da Monachil, e dove le sue ripide scogliere, i tunnel di pietra, la cascata e il suo famoso ponte sospeso di più di 55 metri di lunghezza, sono la gioia di tutti gli escursionisti.

Grazie al fortunato luogo in cui si trova il comune, Monachil offre un interessante ventaglio di attività sportive nella natura.

Percorsi e sentieri capaci di sorprendere attraverso spazi unici come il Cahorros, Monte Huenes il Trevenque, la collina Matas Verdes, il Cerrajón, Diéchar, ecc, molti dei quali adatti per passeggiate a piedi, in bicicletta o a cavallo, a seconda delle richieste e / o condizioni.

Luoghi idonei per le attività legate alla montagna, sopratuttuo Los Cahorros per praticare scalate su rocce imponenti.

Adatte anche per il parapendio.

Se siete appassionati di sport nella natura non esitate, Monachil è il vostro destino!

Click on images to enlarge

Motril


Motril é una città dinamica, dove i visitatori si sentono come a casa, grazie alla grande ospitalità della sua gente. Nel cuore della Costa Tropicale di Granada, bagnata dal Mediterraneo, Motril offre infinite possibilità e inoltre ofrre un microclima eccezionale, con temperature annue intorno ai 20 ° C., ricevendo circa 3.000 ore di sole l'anno. Il dato è tra i più alti in Spagna.

Solo 35 minuti separano Motril da Granada, grazie alla N-323, strada a doppia carreggiata. Dalla capitale e da altre localitá in Spagna, può essere raggiunta in autobus, in treno, in aereo o in auto.

Bisogna sottolineare la posizione centrale e marittima di Motril nella costa granadina, essendo l'unico sbocco portuario al mare della provincia di Granada. Il porto di Motril ospita le navi da crociera, e i passeggeri possono godere di eccellenti strutture nella città e visitare l'Alhambra, Sierra Nevada e la città di Granada, grazie alla sua vicinanza.

Tutti i tipi di sport, escursioni e gli sport natura-avventura che si possa immaginare si possono praticare qui nella costa tropicale. Indimenticabili come la pesca sportiva, le immersioni subacquee, surf, windsurf o flysurfing per gli amanti del contatto diretto con il mare. Equitazione, parapendio, deltaplano, canyoning, pesca, golf ... le possibilità sono infinite.

Si possono anche fare escursioni in barca, sulla costa per ammirare la bellezza del mare della capitale della costa tropicale.

Dal neolitico ai giorni nostri, Motril ha accumulato storia e tradizioni che vale la pena conoscere.

Non perdere Motril ... un paradiso nella Costa Tropicale di Granada.

Click on images to enlarge

Órgiva


Orgiva è considerata la capitale della regione di Alpujarra, ha ottimi ristoranti, bar e possibilità di divertimento. Situata a 58 km da Granada e circa 27 km dalla costa, è parte del Parco Naturale della Sierra Nevada ed è situata sul lato sud. Si tratta di una città commerciale che ha tradizionalemnte fornito tutta la regione. Il mercato settimanale, ogni giovedi,continua ad essere un luogo importante per gli agricoltori della zona.

Anche se tutti i riferimenti storici-monumentali sembrano indicare il luogo di fondazione araba, l'origine di Orgiva è molto più remota. E' stato identificato con la colonia greca di Exoche, citata da Tolomeo. Alcuni dei luoghi di interesse sono: la Chiesa di Nuestra Señora de la Expectación, Ermita de San Sebastian, Plaza de la Alpujarra, Casa-palacio de los Condes de Sástago (attuale Municipio). Le sue torri gemelle si elevano al di sopra di tutto e sono visibili a distanza.

Un altro luogo di interesse è il centro di meditazione buddista O.Sel.Ling , fondato nel 1986 e situato nelle montagne del Alpujarras, 1600 mt di altitudine sul versante sud della Sierra Nevada. Qui vive O Sel, che è stato uno dei primi occidentali riconosciuti come la reincarnazione di un maestro tibetano e certamente il piú famoso.

Una delle parti piú interessanti della villa è la curiosa Sala Cervantín Agustín Martín Zaragoza, che dispone di "El Ingenioso Hidalgo Don Quijote de la Mancha" in 42 lingue diverse e 3 dialetti.

Dalla cucina orgivegna da citare il baccalà con peperoni fritti e sardine. Inoltre il tipico piatto di finocchi e cardi. In estate gazpacho, per combattere il calore.

A Orgiva si può scegliere tra la strada che conduce fino a Alpujarra alta o quella che scende per la Sierra Contraviesa a sud, con la sua splendida vista sulla costa e sul mare.Alla fine tutte le strade portano a Orgiva. Una strada che collega il villaggio con la Costa Tropicale, l'altra per Lanjarón, con Granada; un terzo per Torvizcón porta alla Rábita e l'ultima va nel cuore di La Alpujarra Alta, fino a Pampaneira o Trevélez.

Procedendo verso uno qualsiasi di questi indirizzi, è meglio lasciare l'auto nella parte alta della città, perchéche sará un'odissea cercare di parcheggiare nella zona piú centrica, soprattutto durante la mattina.

Click on images to enlarge

Pampaneira


Pampaneira paese dell'Alpujarras, situato nel burrone Poqueira, è vicino a Bubión e a Capileira, luogo storico e artistico che ha mantenuto l'aspetto bereber nell'architetturadelle sue case e delle sue strade. Pampaneira si trova nel sud-est della provincia di Granada, a 72 km dalla capitale.

Piú si sale in altezza piú si trovano bioclimatiche molto diverse, con una flora varia e una ricca fauna. Qui si trova la flora più importante d'Europa.

La sua posizione sul burrone di Poqueira vi permette di godere, da un lato una vista unica della vetta del Veleta (3392mts) e dei paesi di Bubión e Capileira, e allo stesso tempo di contemplare il Mar Mediterraneo.

La gastronomia di Alpujarras è una delle bellezze di Pampaneira, grazie alla varietà dei prodotti locali. Questa cucina permette di gustare piatti sia di patrimonio moresco che cristiano, con i suoi famosi salumi di stagionatura naturale, tra i quali prosciutti, salsicce, sanguinaccio e così via. Il prosciutto è il re dei piatti di Alpujarra.

Tra i piatti tipici locali da citare le razioni di carne di maiale, grano, polenta, zuppa di castagne e le conosciute "patate dei poveri", il tutto arricchito con un buon vino locale.

Il cosiddetto "piatto alpujarreño" é composto da "patate dei poveri", uova fritte, prosciutto, salsiccia, sanguinaccio e peperoni fritti.

Anche i dolci di Alpujarras sono di grande elaborazione e deliziosi, da citare il pane di fico, i dolci di mandorle e i "roscones".

Il suo fascino catturerá immediatamente i viaggiatori e visitatori, che scopriranno uno degli angoli più belli della Alpujarra, con le sue case, per lo più di pietra; per due anni consecutivi, 1977 e 1978, Pampaneira ha ottenuto il Premio Nazionale per l'abbellimento dei paesi della Spagna.

Si può passeggiare tra portici pieni di fiori, godendo di una splendida vista delle vette più alte della penisola (Veleta, Tajos de la Virgen...) e dei paesi del Barranco de Poqueira, Bubión e Capileira.

E' anche riconosciuta la sua ricchezza e varietà artigianale, che va da tutti i tipi di ceramiche ai tessuti, come tappeti e altri oggetti tipici della regione.

Anche le sue fonti meritano una citazione speciale, alcune con acque minerali medicinali, e altri, come Chumpaneira, con poteri speciali, incluso quello di augurio di matrimonio. Come si può leggere nel murale posto sui tre tubi del pilone, in cui si afferma "é fonte di virtù e di tale grandezza che se uno scapolo beve con l'intenzione di sposarsi non sbaglierá, perché troverá sposa immediatamente, vedrai! ".

In questa città si tiene ogni autunno una fiera artigianale, agricola e del turismo, considerata una delle piú complete nel suo genere in tutta la regione. Questo include anche prodotti alimentari, soprattutto la pasticceria araba e i deriveti del maiale.

Click on images to enlarge

Pradollano


A Pradollano, punto di incontro della Sierra Nevada, si offrono tutti i servizi necessari per lo sci ed é la località sciistica più meridionale d'Europa e con più ore di sole all'anno. Ha pochi rivali per la qualità della neve, per il numero di giornate di sole per stagione, per la pendenza e l'altitudine alla quale si può sciare (dai 3.394 metri di Veleta fino ai 2.100 metri di Pradollano), e per la lunghezza delle piste da sci, con più di 64 km di piste segnalate.

La stazione sciistica di Sierra Nevada si apre di solito nei dicembre ed è uno degli ultimi a chiudere, in quanto la chiusura spesso coincide con la celebrazione della Giornata della Croce (3 maggio). Oltre alle piste offerte dalla Sierra Nevada nei mesi invernali, vi sono anche molte attività durante il resto dell'anno (a piedi, in bicicletta oma cavallo.), facendo di questa localitá una delle più interessanti della Spagna.

Nella Sierra Nevada, non solo si fa sci e snowboard, ma anche è possibile praticare sport invernali sia all'interno della stazione sciistica iche nei suoi dintorni. L'altitudine delle cimeé dii oltre 2000 m, facendo di questa località un luogo di straordinaria bellezza naturale e ideale per trovare l'avventura che la montagna generalmente offre.

Numerosi ristoranti con tutti i tipi di cucina, da quella tipica locale a quella piú internazionale e veloce, oltre che le tipiche tapas, le specialità, per non farvi mancare niente in un ambiente totalmente naturale, dove la stagione sciistica è il momento ideale per conoscere innumerevoli persone e godere degli eventi relativi allo sci.

Ospitalità, comoditá, qualità ... Questi termini sono usati per definire la speciale accoglienza che la Sierra Nevada offre ai suoi visitatori.

Click on images to enlarge

Sacramonte


Granada è uno dei punti di riferimento più importanti del Flamenco in Spagna; concretamente, il Sacromonte ne è la culla. Questo quartiere gitano è l’epicentro di quanto gli esperti hanno definito con i termini “hondura” o “duende”. È inoltre il luogo in cui nacque la “zambra”, una delle feste con canti e balli flamenchi che risale ai riti nuziali dei mori del XVI secolo. Questa festa si commemora ogni notte nelle sue antiche grotte, attualmente transformate in tablaos (locali) flamenchi. I protagonisti di questi spettacoli sono i membri delle famiglie gitane con più tradizione del quartiere. Era tipico, sino a poco tempo fa, assistere a spettacoli flamenchi in strada; attualmente la maggior parte dei gitani non vivono in questa zona; tuttavia l’ambiente notturno del Sacromonte è uno dei più autentici e flamenchi.

Click on images to enlarge

Salobreña


Salobreña paradiso della Costa Tropicale è situata nella provincia di Granada, in Andalusia, situato nella costa centro-occidentale granadina.

Salobreña è una delle localitá più belle della costa di Granada. La sua pianura e le sue incantevoli spiagge e calette, insieme con le sue antiche case bianche, fanno di Salobreña una località turistica.

Il centro storico di Salobreña è situato all'interno dela muraglia che proteggeva la popolazione nel Medioevo. Le sue strade sono ripide e a forma irregolare, tipicche di un villaggio andaluso, con tutte le sue case bianche e balconi decorati con fiori. Al suo interno si trova il monumento più importante, il Castello di Salobreña, con il magnifico Paseo de las Flores. Magnifici e curati giardini, con diverse specie di arbusti, fiori e palme lungo tutto il suo percorso. È il luogo dove i primi abitanti si stabilirono nella zona e dove son stati ritrovati numerosi resti archeologici.

Oltre alle sue spiagge Salobreña ha molti monumenti d'interesse storico, come la Chiesa Parrocchiale Señora del Rosario, costruita nel XVI secolo sui resti di un'antica moschea musulmana, in stile moresco, dove impera la grande torre campanaria quadrata sormontata da una merlatura di piccole dimensioni.

Il Parque de la Fuente è un parco situato nell'Avenida del Mediterráneo. Ha un bel giardino pieno di piante e fiori, stagni, dove vivono varie specie di uccelli, anatre, pavoni, per citarne alcuni, e dove si trovano aree particolarmente adatte ai più piccoli con giochi infantili. Nella stagione estiva si svolgono all'interno concerti di musica e attività culturali. Inoltre é conosciuto il mercatino popolare notturno che si tiene tutti i Martedì e Venerdì nel Parc de la Fuente, dove si possono trovare oggetti in ceramica, vetri, pietra o metallo, prodotti alimentari, gioielli e molte altre cose.

El Peñon de Salobreña è un piccolo isolotto situato nella spiaggia di Salobreña.

Con ampie spiagge, con acque calme e cristalline, e soprattutto con tutti i servizi necessari. Le più popolari sono la Playa de la Guardia, la spiaggia di Pond e le spiagge del Peñon, che si trovano lungo il Paseo Marítimo.

Il suo clima mediterraneo regala buone temperature durante l'estate e l'inverno. La media annuale è di 17 ° C, in estate è di 24 ° C in inverno e 12 ° C.

Click on images to enlarge

Sierra Nevada


È sorprendente che a Granada, in Andalusía, terra famosa per le sue spiagge e il calore del sole, sia possibile sciare. Sierra Nevada è attualmente la migliore stazione sciistica invernale di tutta la Spagna. Il picco del Mulacén, il più alto della penisola iberica, si eleva sino ai 3.478 metri, un’altitudine che garantisce abbondanza di neve nonostante la stazione sciistica di Sierra Nevada sia la più meridionale d’Europa.

Sierra Nevada è inoltre il dodicesimo Parco Nazionale spagnolo. Si estende lungo 170.000 ettari, ed abbraccia un totale di 60 municipi, tra le province di Granada e Almería. Sierra Nevada è l’ultima grande muraglia naturale del Sud d’Europa. S’innalza maestuosa tracciando una linea agreste che si affaccia sul mare, varia in altitudine dai 1.000 ai 3.481 metri, ospita i paesaggi più variegati, incastonati nell’ambiente bioclimatico proprio di ogni zona.

È un inmenso spazio in cui sport, avventura e percorsi immersi nella natura abbondano, per goderne durante tutto l’anno.

Newsletter - Iscriviti per ricevere le nostre offerte